5 domande a Paolo Domeniconi


Paolo Domeniconi nasce a Crevalcore in provincia di Bologna, “paese famoso per le rane e la nebbia” dice nella sua presentazione. Ha pubblicato con Mondadori, Sinnos, La Coccinella, Fanucci, Coccole e Caccole. Il suo ultimo lavoro è una bellissima mappa illustrata per ripercorrere il giro del mondo in 80 giorni (ed. Giralangolo).

Quando è iniziata la tua attività di illustratore?

Ho iniziato a lavorare nel 1992 come illustratore pubblicitario ma col passare del tempo ho sentito il bisogno di avvicinarmi al mondo dei libri illustrati. Dopo aver frequentato alcuni corsi estivi di illustrazione per ragazzi, sono stato contattato quasi per caso da un editore milanese e così è nato il mio primo “Gatto con gli stivali”.

Chi sono i tuoi illustratori preferiti?

Dal punto di vista artistico sono sempre stato attratto dagli illustratori americani, artisti come Brad Holland, Chris Van Allsburg. Allo stesso tempo mi affascina la ricchissima tradizione illustrativa dell’europa dell’est.

Qual è la storia che vorresti tanto illustrare?

Amo particolarmente le storie di viaggi e avventure, in questo momento mi piacerebbe illustrare un classico romanzo di Jules Verne.

Cosa consigli a chi vuole diventare illustratore?

Cercare il più possibile scambi e stimoli diretti, frequentare chi ha le nostre stesse passioni e chi lavora già nel settore, in questo momento corsi e laboratori decisamente non mancano. Consiglierei di essere il più possibile eclettici, evitando la gabbia dello “stile” in cui tanti amano rinchiudersi. Meglio divertirsi e assecondare la propria vitalità, in qualunque modo essa si manifesti.

A cosa stai lavorando in questo momento?

In questo momento, oltre ad alcune tavole dal taglio abbastanza didattico per un libro di storia, sto iniziando a illustrare “Alì Babà e i quaranta ladroni” per un libro di grande formato che uscirà presso una casa editrice coreana.

sito: http://www.domeniconi.it/
blog:  http://paolodomeniconi.blogspot.com/

Related Posts with Thumbnails

3 thoughts on “5 domande a Paolo Domeniconi

  1. Bellissimi lavori, un vero artista. Complimenti! Ho già deciso che acquisterò un suo libro per il mio piccino. Grazie per avermelo fatto conoscere.

  2. “Consiglierei di essere il più possibile eclettici, evitando la gabbia dello “stile” in cui tanti amano rinchiudersi. Meglio divertirsi e assecondare la propria vitalità, in qualunque modo essa si manifesti.”..questo pensiero lo condivido in pieno!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*