5 domande a Marcella Brancaforte


Marcella Brancaforte è un’illustratrice che viene dalla Sicilia. E’ impegnata in mille progetti: insegna illustrazione a Viterbo, tiene laboratori di teatro per bambini nelle scuole del Lazio, gira l’Italia per proporre il suo spettacolo di canzoni popolari del Mediterraneo. Il suo ultimo lavoro è infatti “A pescar canzoni”, un viaggio per terra e per mare nella canzone popolare dalle coste dell’Italia al Medio Oriente ai Balcani (Sinnos editricie – con cd – e.13). 

Quando è iniziata la tua attività di illustratrice?
Nel 1987 approdai a Milano, fresca di Isia e di Urbino, e ho subito pubblicato la mia prima illustrazione su “Panorama”, la settimana dopo lavoravo anche per “Casaviva” e così via… non ho più smesso: I primi 7 anni ho fatto quasi esclusivamente illustrazione su periodici.

Chi sono i tuoi illustratori preferiti?
Sono “figlia” di Luzzati, sono nata immersa tra i suoi disegni… mi piace il percorso di Anke Feuchtengberger, Henning Wagenbreth (il papà di “Mond und Morgenstern”) poi Stefano Ricci, Gianluigi Toccafondo. Continuo? Pablo Alaudell, Beppe Giacobbe, Marco Marella, Nicoletta Ceccoli, Gipi e anche mia sorella Valeria Brancaforte, Beatrice Alemagna e Gek Tessaro… Ma volete interviste brevi, no? Gli illustratori contemporanei che amo sono davvero tanti, a volte non sono neanche celebri, la lista potrebbe allungarsi troppo!

Qual è la storia che vorresti tanto illustrare?
Un altra storia della tradizione popolare siciliana, terra alla quale sono legata profondamente e che mi dà tanta ispirazione.

Cosa consigli a chi vuole diventare illustratore?
Non è un mestiere comune, generalmente non viene in mente a chiunque di fare questo lavoro, in più oggi in Italia è spesso mal retribuito…. Comunque, come tutte le carriere artistiche, ci vogliono tenacia, passione, disciplina, esercizio uniti ovviamente a un bel talento di base. Ma il solo talento non basta.

A cosa stai lavorando in questo momento?
In 2 parole: disegno e canto. Sto illustrando12 mesi per un calendario, ho finito 3 piccole tele per una collettiva su Totò a Monaco di Baviera, poi sotto con il progetto di un nuovo libro…! ( sorpresa ) E siccome forse non tutti sanno che oltre a disegnare mi piace tanto anche cantare, nei prossimi 6 mesi porterò anche in giro cantando il mio ultimo libro illustrato per Sinnos “A pescar Canzoni” è un libro ma veicola anche un concerto di musica popolare.

sito: www.marcellabrancaforte.com

Related Posts with Thumbnails

One thought on “5 domande a Marcella Brancaforte

  1. complimenti a Marecella e ancora grazie per avermi dato lo spazio e le ispirazioni su colapesce e altre storie, angelo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*