And the winner is…


Gran belle sorprese al Premio Andersen 2010, annuale “oscar” del libro per ragazzi.
Tararì tararera di Emanuela Bussolati, edito da Carthusia, ha vinto il premio come miglior libro 0/6 anni (“un libro semplice e lineare frutto di un attento e colto progetto linguistico e grafico”).
Natale bianco Natale nero di Beatrice Fontanel e Tom Schamp, Editoriale Jaca Book, è il miglior libro 6/9 anni (“per la pacata e gioiosa riflessione attorno ai temi della diversità e dell’accoglienza, della creatività e del lavoro”).
Biancaneve, una fiaba pop-up teatrale di Jane Ray, Il Castoro è il Miglior libro “fatto ad arte” (“per aver regalato una fervida e affascinante versione tridimensionale di una fiaba notissima… senza mai cadere nello stereotipo”).
Hänsel e Gretel illustrato del maestro Lorenzo Mattotti, Orecchio Acerbo, è il Miglior albo illustrato (“per la capacità di ritornare al fondo antico e tragico delle fiabe, alle loro remote origini di ‘catalogo dei destini'”).

Gli altri riconoscimenti sono andati a:
Miglior libro 9/12 anni: L’asinello d’argento di Sonya Hartnett – ill. di Laura Carlin, edito da Rizzoli.
Miglior libro oltre i 12 anni: Il libro di tutte le cose di Guus Kuijer, Salani.
Miglior libro mai premiato: C’era una volta un topo chiuso in un libro di Monique Felix, Emme Edizioni.
Miglior libro di divulgazione: Il libro delle Terre immaginate di Guillaume Duprat, L’ippocampo junior.
Premio speciale della Giuria: Come insegnare a mamma e a papà ad amare i libri per bambini di Alain Serre – ill. di Bruno Heitz, Nuove Edizioni Romane.
Miglior collana di narrativa: Gli anni in tasca, Topipittori.
Miglior collana di divulgazione: La saggistica narrata, Feltrinelli Kids.
Miglior scrittrice: Anna Vivarelli.
Miglior illustratore: Beatrice Alemagna.
Miglior autore completo: Gek Tessaro.
Personaggio dell’anno: Giulio Coniglio di Nicoletta Costa.

Related Posts with Thumbnails

One thought on “And the winner is…

  1. ho scoperto “Tararì tararera” qualche mese fa grazie a un’amica: è straordinario. Mia figlia ne va matta e in casa abbiamo iniziato a parlare tutti in lingua piripù!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*