la bambina che ascoltava gli alberi - edizioni corsare

La bambina che ascoltava gli alberi


la bambina che ascoltava gli alberi - edizioni corsare

La bambina che ascoltava gli alberi
di Maria Loretta Giraldo – ill. Cristina Pieropan
Edizioni Corsare – p.40 – e.18

Avete mai provato a farvi leggere un libro dai vostri piccoletti? Noi ogni tanto lo facciamo ed è davvero emozionante. Provateci anche voi e vi garantisco che rimarrete sorpresi nello scoprire come nella loro testolina si stratificano miriadi di informazioni che vengono dalle vostre letture serali e dalla scuola, ma anche dalla televisione e dalle conversazioni carpite per strada. Raccontare mette i bambini di fronte alla grande responsabilità di rappresentare il mondo e nel farlo ci mettono dentro tutto quello che il mondo significa per loro. Vi suggerisco di sperimentare inizialmente con un libro che avete già letto insieme, così il piccolo lettore si troverà più sicuro a percorrere un sentiero che già conosce, ma una volta presa un po’ di fiducia sarà straordinario avventurarsi in territori sconosciuti. Per provare vi consiglio questo delizioso albo Edizioni Corsare. Le incisioni di Cristina Pieropan sono straordinarie ed enigmatiche (Per averne un assaggio, andate sul suo sito).
Fatemi sapere…

la bambina che ascoltava gli alberi - edizioni corsare

la bambina che ascoltava gli alberi - edizioni corsare

Related Posts with Thumbnails

3 thoughts on “La bambina che ascoltava gli alberi

  1. Eccome se ci abbiamo provato 🙂 La mia bimba di quasi tre anni ci legge regolarmente diversi libri durante il corso della giornata: in quel momento ci cuciamo la bocca e spalanchiamo orecchie e occhi per goderci lo spettacolo. Sì, sono esseri incredibili. – Graziana

  2. Ottimo consiglio! A dire il vero i miei bambini si fanno ancora viziare dalla lettura altrui.
    Il più grande legge qualche pagina poi passa….il più piccolo – che ancora non legge – riprende libri proposti e li racconta (a modo suo!).
    Peccato che la scuola non faccia granchè per stimolare a “tenere in mano il libro”, così mio figlio ho l’impressione si senta un pesce fuor d’acqua e quest non fa bene!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*